AUTUNNO SIGNIFICA… CASTAGNE!

Nei mesi di ottobre e novembre tornano le tanto attese caldarroste.
Possiamo acquistarle in tutte le piazze d’Italia e passeggiare per le vie della città con il tipico “cartoccio”, oppure prepararle a casa e consumarle comodamente seduti a tavola con gli amici o la famiglia. Viene da sé cercare il vino abbinato perfettamente e che renda questo momento conviviale un piacere per il palato.
La castagna è un frutto che lascia in bocca una sensazione di pastosità quindi cercheremo si abbinare un vino dotato di tannini, ossia un vino rosso.
Tradizionalmente le castagne andrebbero accompagnate consumando un vino novello ma ci sono delle valide alternative.
Il presupposto più importante è che dovrà essere un vino rosso giovane e non di grande struttura, visto che la castagna è un frutto semplice e dal gusto delicato. Si consigliano vini d’annata di pronta beva come un Lagrein dell’Alto Adige, una Corvina veronese o un Valpolicella.
Le castagne possono essere anche bollite in acqua salata e mangiate al momento, oppure setacciate sotto forma di purea, rese farina per la preparazione di gnocchi o paste fresche, oppure usate come ripieno a carni di maiale o polpettoni con carni bianche o di vitello.
In questo caso il vino deve essere più strutturato e corposo per reggere la struttura piuttosto importante dei piatti. Tra gli abbinamenti più indicati troviamo il nostro amatissimo Teroldego Rotaliano o il Dolcetto.

Siamo certi di avere l’ abbiamento giusto per le vostre esigenze.

Che dire… non occorre aggiungere altro!